venerdì 28 agosto 2015

Prospetto delle spese impegnate dalla Regione Siciliana per i precari e Asu e i riferimenti normativi.



Fai clic sul documento per visualizzare scaricare e stampare. 

Fonte: ARS

Condividi questa notizia per diffonderla ai tuoi colleghi precari! Se vuoi seguire questa ed altre notizie simili metti "MI PIACE" nella pagina Facebook di Basta Precari. Puoi condividere e diffondere a più visitatori la notizia utilizzando "condividi" ai social network di BastaPrecari su: Facebook, Twitter, Google+ e Youtube. Per inserire un commento a questa notizia fai clic qui sotto su "Inserisci un commento". Per comunicati, notizie o per diventare autore del blog scrivere a: bastaprecaricomune@gmail.com.

giovedì 27 agosto 2015

Precariato. Una nuova sentenza a favore della trasformazione del contratto a tempo determinato in indeterminato

Precariato. Una nuova sentenza a favore della trasformazione del contratto a tempo determinato in indeterminato



Gentile Direttore,
con riferimento al problema sollevato dalla lettera, “
Lombardia. Quel “pasticcio” sulle graduatorie” che coinvolge oltre un migliaio di operatori buona parte infermieri, le segnaliamo che grazie alla sua pubblicazione siamo riusciti a richiedere un intervento di modifica all’Assessore alla Sanità Mantovani e ai consiglieri del PD Borghetti e Movimento 5 stelle Violi.

Cogliamo l’occasione per segnalare ai suoi lettori che il problema del precariato sta finalmente trovando una soluzione.
Dopo la sentenza della Corte di Giustizia Europea del 26 novembre 2014 che ha sanzionato lo Stato italiano per il reiterato ricorso ai contratti a tempo determinato, è cambiato il destino delle centinaia di migliaia di precari che ormai da lungo tempo (a volte anche da oltre dieci anni) prestano la loro attività per gli enti pubblici.
 
La pronuncia in questione ha infatti ormai introdotto nel nostro ordinamento giuridico la figura del “danno-sanzione”, ciò significando che le Amministrazioni che abusano dei contratti a termine possono essere “sanzionate”, con il risarcimento dei danni e/o con la condanna alla trasformazione dei contratti da tempo determinato a tempo indeterminato.
 
A dire il vero i giudici del lavoro italiani già molto prima della sentenza della Corte di Giustizia Europea avevano emesso delle pronunce che provvedevano in tal senso, condannando le amministrazioni all’assunzione a tempo indeterminato dei lavoratori interessati, nonché al risarcimento in favore degli stessi.
A dare il “la” a questa giurisprudenza era stato soprattutto il mondo della scuola, tant’è che moltissimi docenti o dipendenti del MIUR appartenenti al personale ATA venivano “stabilizzati” da tanti tribunali italiani.

Intanto anche per le professioni sanitarie venivano avviati dei ricorsi e a tal proposito il tribunale di Trani, quale giudice unico del lavoro, con la sentenza n. 1125/13 emetteva un importante pronunciamento, disponendo la trasformazione da tempo determinato a tempo indeterminato di un medico e due infermieri.

Si tratta del primo precedente in materia che ha una rilevante importanza proprio per l’estensione anche ai lavoratori della sanità dei principi già richiamati dalla giurisprudenza per i lavoratori della scuola.
 
Però ormai esaustiva e chiarificatrice deve considerarsi la sentenza del tribunale di Napoli, quale giudice unico del lavoro, del 21.01.2015, con la quale è stata disposta la trasformazione del contratto di un docente da tempo determinato a tempo indeterminato.
Occorre innanzitutto considerare che si tratta della prima sentenza emessa in Italia dopo quella della Corte di Giustizia Europea e che ne recepisce in pieno lo spirito e le direttive.
 

Infatti il giudice partenopeo ha fatto proprie le conclusioni del giudice europeo, applicando la figura del cosiddetto “danno-sanzione”.
Come detto la sentenza in questione appare di particolare interesse scientifico e pratico in quanto affronta tutte le questioni che volta per volta sono state sollevate.

 
A questo proposito il giudice partenopeo ha brillantemente risolto il problema della presunta violazione dell’art. 97 Cost..
Infatti il rilievo da sempre mosso avverso la possibilità della trasformazione dei contratti da tempo determinato a tempo indeterminato nella Pubblica Amministrazione, è stato quello della presunta violazione del principio costituzionale secondo il quale l’unico strumento di accesso alla P.A. è rappresentato dal concorso, richiamato peraltro anche dall’art. 35 D.Lgs. n. 165/2001.

Orbene, il tribunale di Napoli ha osservato come nella fattispecie si registra la corretta ed ossequiosa osservanza dei principi costituzionali in materia, atteso che i lavoratori interessati hanno partecipato comunque ad una selezione volta all’accertamento della professionalità richiesta e tale da garantire in misura adeguata l’accesso dall’esterno.
Del resto la questione era stata già risolta in tal senso dalla Corte Costituzionale con la sentenza n. 41/2011 che delibava in senso favorevole la conformità del sistema delle graduatorie permanenti come corretto metodo di selezione dei più meritevoli.


Pertanto nel caso in cui gli operatori della sanità (siano essi medici, infermieri, psicologi, OSS, ecc…) abbiano partecipato ad un avviso pubblico di concorso per titoli e/o esami e risultino utilmente collocati in graduatorie pubblicheprorogate fino a dicembre 2016 ai sensi di quanto previsto dalla normativa vigente (art.3, c^ 61  della Legge 30/12/2003 n. 350 e  art.1,c^100 della Legge 30/12/2004 n. 311; da ultimo l’art.4, c^ 3  del  D.L. 31/8/2013 n. 101 convertito in L. n. 125/2013 e delibera n.124/2013 della sez. reg. della Corte dei Conti Umbria), gli stessi rivestono una posizione giuridica conforme al dettato dell’art. 97 Cost.. Ma colpo di scena, la Giunta Regione Lombardia  con delibera n. 2989 del 23/12/2014 "regole di sistema", al paragrafo 2.6.2.1. “ … 
alle Aziende Sanitarie lombarde nei cui confronti il regime ordinario non prevede vincolo e limitazioni alla possibilità di assunzioni  trova applicazione la regola generale di cui all’art. 35 comma 5-bis D.Lgs. 165)01 che stabilisce la validità triennale delle graduatorie per l’assunzione nelle amministrazioni pubbliche …”.
 
Ciò considerato la scriminante è rappresentata appunto dalla selezione pubblica, indipendentemente dal fatto che con la stessa l’accesso alla Pubblica Amministrazione si sia concretato attraverso la stipula di contratti a tempo determinato, anziché a tempo indeterminato.
Del resto nel nostro paese si è assistito per circa vent’anni al blocco dei concorsi pubblici conseguenti al cosiddetto patto di stabilità e per molte regioni ai cosiddetti piani di rientro.

 

Vale a dire che le contingenze temporali non possono aver causato una paralisi della Pubblica Amministrazione, per cui si è dovuto comunque provvedere al reclutamento del personale e ciò nel rispetto della normativa costituzionale.
A tal’uopo il tribunale di Napoli, nel giustificare la trasformazione dei rapporti da tempo determinato a tempo indeterminato, richiama un passo della sentenza della Corte di Giustizia Europea che recita testualmente: “Le ragioni di bilancio sebbene … possano costituire il fondamento delle scelte di politica sociale di uno Stato membro e possano influenzare la natura ovvero la portata delle misure che esso intende adottare, … esse non costituiscono tuttavia, di per sé, un obiettivo perseguito da tale politica e, pertanto, non possono giustificare l’assenza di qualsiasi misura di prevenzione del ricorso abusivo a una successione di contratti di lavoro a tempo determinato ai sensi della clausola 5, punto     dell’accordo quadro”.

Quanto, poi, all’applicabilità della disposizione dell’art. 5, comma 4-bis, D.Lgs. 368/01 (che prevede la trasformazione del rapporto da tempo determinato a tempo indeterminato al superamento dei 36 mesi di attività negli ultimo 5 anni) anche alla Pubblica Amministrazione, il tribunale partenopeo osserva come non si rileva alcun contrasto di detta disposizione con quella di cui all’art. 36 D.Lgs. 165/01.
 

Ciò considerato allora si può senz’altro concludere che anche i lavoratori della sanità possono azionare il loro diritto alla trasformazione dei loro rapporti da tempo determinato a tempo indeterminato e tale prerogativa va riconosciuta anche a quegli operatori che prestano la loro attività all’interno dei penitenziari ed il cui rapporto sia regolamentato mediante il cosiddetto pagamento a parcella (per cui sono detti parcellisti).
Infatti nelle carceri la guardia infermieristica è gestita pressocché prevalentemente da infermieri parcellisti i quali, però, sono soggetti alla rigida disciplina propria del lavoro subordinato.

Ne consegue allora che tali professionisti potranno anche loro adire le vie legali per invocare la “stabilizzazione” dei loro contratti, fermo restando che gli stessi dovranno provare processualmente che risultano organicamente incardinati nelle strutture in cui lavorano.

Tanto osservato, si può quindi concludere che tutti gli operatori della sanità che abbiano prestato la propria attività per almeno 36 mesi (anche non continuativi) negli ultimi 5 anni, a mezzo di contratti a termine o con altre forme convenzionali, comunque riconducibili a contratti di lavoro subordinato, possono agire giudizialmente per porre la parola fine alla loro condizione di precari.

 
Dr. Giovanni Muttillo
Presidente Collegio IPASVI 
Milano-Lodi-Monza e Brianza

 
Avv. Domenico De Angelis 
Campobasso

Fonte: http://www.quotidianosanita.it/lettere-al-direttore/articolo.php?articolo_id=25846

 Fai clic sul documento per visualizzare scaricare e stampare. Condividi questa notizia per diffonderla ai tuoi colleghi precari! Se vuoi seguire questa ed altre notizie simili metti "MI PIACE" nella pagina Facebook di Basta Precari. Puoi condividere e diffondere a più visitatori la notizia utilizzando "condividi" ai social network di BastaPrecari su: Facebook, Twitter, Google+ e Youtube. Per inserire un commento a questa notizia fai clic qui sotto su "Inserisci un commento". Per comunicati, notizie o per diventare autore del blog scrivere a: bastaprecaricomune@gmail.com.

giovedì 20 agosto 2015

Dott. Gaetano Aiello - Comunicato del 20 08 2015

Carissimi dipendenti precari siciliani, ora che le vacanze estive stanno per esaurire la loro portata rigenerante, mi sembra giusto che TUTTI guardiamo in faccia la realtà contingente sul fenomeno del precariato pubblico siciliano. Almeno facciamolo senza filtri e senza seguire le informazioni tendenziose di certa stampa, vicina al potere. Per quanto mi riguarda bisogna porre attenzione, con la consapevolezza però di difendere diritti e interessi, ai seguenti punti.  1. La Regione Siciliana sarà costretta ad intervenire, non più tardi della seconda metà di settembre,  per approvare l'ennesima variazione di bilancio per l'esercizio finanziario 2015. Addirittura,  nel 2016 si andrà in esercizio provvisorio per 4 mesi, come già accaduto quest'anno.  2. È evidente,  basta avere un minimo di esperienza e mi sembra che i professionisti dipendenti precari siciliani ne abbiano abbastanza,  che la Regione dal 2012 ha sensibilmente ridotto i trasferimenti finanziari che riguardano il precariato pubblico siciliano.  3. È ancora più evidente,  che gli Enti Locali ed Istituzionali della Regione,  da soli e senza i trasferimenti finanziari regionali,  non possono sostenere il fenomeno del precariato pubblico siciliano. Ricordo ai precari che sono parecchi gli Enti che hanno ridotto l'orario di lavoro settimanale, dopo la riduzione dei trasferimenti finanziari della Regione. 4. Per amore della verità, ad oggi,  bisogna prendere atto che il Governo Crocetta e l'Ars non sono riusciti ad avviare alcuna risposta concreta al fenomeno del precariato pubblico siciliano. Le uniche iniziative legislative presenti sul tappeto sono solo quelle di qualche volenteroso deputato suggerito da un gruppo di precari storici che ha la voglia e la tenacia per affrontare il fenomeno del precariato pubblico siciliano in tutta la sua complessità. Ovviamente queste iniziative vengono boicottare da un Governo regionale e da un Assemblea sorde ma solo perché non godono del sostegno precario. È paradossale ma non c'è il sostegno dei dipendenti precari siciliani alle iniziative legislative pensate solo per cercare di affrontare e possibilmente risolvere il fenomeno del precariato siciliano. 5. Abbiamo visto,  nell'iter che ha seguito il Decreto Legge sugli Enti Locali,  che il Governo nazionale ha trattato con il Presidente della Regione Calabria per i precari calabresi e con gli incaricati dell'Agenzia delle entrate per la loro proroga al 31 dicembre 2016,  ma non ha per niente riconosciuto i dipendenti precari siciliani in servizio da 26 anni e neppure un Presidente della Regione che non ha alcuna credibilità. Peccato che neanche il Parlamento regionale e ne la Regione Siciliana godono di alcuna considerazione dinanzi allo Stato.  6. Appare disarmante l'inconsistenza politica e sindacale degli attori siciliani,  che dovrebbero affrontare il complesso fenomeno del precariato pubblico siciliano. Per le suddette motivazioni e per i dipendenti precari seri e lavoratori,  invito urgentemente TUTTI a fare una serena autocritica per non perdere altro tempo nell'agire per la libertà del lavoro. Le discussioni di questi giorni a me sembrano le solite chiacchiere di politici e sindacati inesistenti dinanzi alla portata politica del fenomeno precariato pubblico in Sicilia. Per tale ultimo motivo,  già dalla seconda metà di settembre,   vi invito ancora a scatenare l'inferno a Palermo e se serve anche a Roma. Perdere ancora tempo in chiacchiere oggi crea solo precari ancora più precari ma anche tanti disoccupati da precariato. Siete soli! Non avete ancora capito! Ma avete testa e numero per ribaltare tutto. A voi la scelta di essere ascoltati dalle Istituzioni. Auguri di cuore. Gaetano Aiello
.

martedì 11 agosto 2015

PEPS - COMUNICATO STAMPA DEL' 11 08 2015






CORRELATE:

https://www.youtube.com/playlist?list=PL3mBYuqf5Ic668tnrrcbRWNKObcnD5iOJ


Condividi questa notizia per diffonderla ai tuoi colleghi precari! Se vuoi seguire questa ed altre notizie simili metti "MI PIACE" nella pagina Facebook di Basta Precari. Puoi condividere e diffondere a più visitatori la notizia utilizzando "condividi" ai social network di BastaPrecari su: Facebook, Twitter, Google+ e Youtube. Per inserire un commento a questa notizia fai clic qui sotto su "Inserisci un commento". Per comunicati, notizie o per diventare autore del blog scrivere a: bastaprecaricomune@gmail.com.

venerdì 7 agosto 2015

PEPS - COMUNICATO STAMPA 06 08 2015

https://drive.google.com/file/d/0B8foPgt9vhLQcnNqbVliUWJtZUE/view?usp=sharing



Condividi questa notizia per diffonderla ai tuoi colleghi precari! Se vuoi seguire questa ed altre notizie simili metti "MI PIACE" nella pagina Facebook di Basta Precari. Puoi condividere e diffondere a più visitatori la notizia utilizzando "condividi" ai social network di BastaPrecari su: Facebook, Twitter, Google+ e Youtube. Per inserire un commento a questa notizia fai clic qui sotto su "Inserisci un commento". Per comunicati, notizie o per diventare autore del blog scrivere a: bastaprecaricomune@gmail.com.

sabato 1 agosto 2015

Precario day -"il precario raccontato dai precari" trailler del doc -film

Credits
Testi trailler - Giusi Bisconti
Adattamento testi e montaggio trailler - Fabio Cimino


Condividi questa notizia per diffonderla ai tuoi colleghi precari! Se vuoi seguire questa ed altre notizie simili metti "MI PIACE" nella pagina Facebook di Basta Precari. Puoi condividere e diffondere a più visitatori la notizia utilizzando "condividi" ai social network di BastaPrecari su: Facebook, Twitter, Google+ e Youtube. Per inserire un commento a questa notizia fai clic qui sotto su "Inserisci un commento". Per comunicati, notizie o per diventare autore del blog scrivere a: bastaprecaricomune@gmail.com.

venerdì 31 luglio 2015

Documento condiviso PD - 31 07 2015


https://drive.google.com/file/d/0B8foPgt9vhLQUGNBUlM5SWNFb016ZklZV2tOLXlobER1eUJB/view?usp=sharing


Condividi questa notizia per diffonderla ai tuoi colleghi precari! Se vuoi seguire questa ed altre notizie simili metti "MI PIACE" nella pagina Facebook di Basta Precari. Puoi condividere e diffondere a più visitatori la notizia utilizzando "condividi" ai social network di BastaPrecari su: Facebook, Twitter, Google+ e Youtube. Per inserire un commento a questa notizia fai clic qui sotto su "Inserisci un commento". Per comunicati, notizie o per diventare autore del blog scrivere a: bastaprecaricomune@gmail.com.

PEPS - COMUNICATO STAMPA 31 07 2015


https://drive.google.com/file/d/0B8foPgt9vhLQMk9XRnM2d1JHMjRFZG44d3RKMkxTdVNxdUFZ/view?usp=sharing







https://www.youtube.com/playlist?list=PL3mBYuqf5Ic668tnrrcbRWNKObcnD5iOJ


Condividi questa notizia per diffonderla ai tuoi colleghi precari! Se vuoi seguire questa ed altre notizie simili metti "MI PIACE" nella pagina Facebook di Basta Precari. Puoi condividere e diffondere a più visitatori la notizia utilizzando "condividi" ai social network di BastaPrecari su: Facebook, Twitter, Google+ e Youtube. Per inserire un commento a questa notizia fai clic qui sotto su "Inserisci un commento". Per comunicati, notizie o per diventare autore del blog scrivere a: bastaprecaricomune@gmail.com.

Dott. Gaetano Aiello - Comunicato del 30/07/2015

Il titolo di questa pagina di giornale racchiude tutto quello che avevo previsto per quanto riguarda i dirigenti delle Entrate e la proroga dei 5 mila precari della Regione Calabria. E i dipendenti precari degli Enti Locali ed Istituzionali della Regione Siciliana dove sono finiti? Ovviamente forse sono stati al mare e a prendere il sole! Ma per fortuna si potrebbe anche recuperare emulando i precari calabresi. ..Grazie mille ai precari calabresi.
I dipendenti precari degli Enti Locali ed Istituzionali della Regione Siciliana meritano di farsi superare dagli incaricati dell'Agenzia delle entrate e dagli LSU calabresi?  Non vi sembra che sia arrivato anche il momento di reagire e spendersi per affrontare il fenomeno del precariato pubblico siciliano. È il momento di agire e dire veramente basta!!!
Gaetano Aiello

martedì 28 luglio 2015

Dott. Gaetano Aiello - Comunicato del 28 07 2015

Buongiorno a tutti i colleghi dipendenti precari degli Enti Locali ed Istituzionali della Regione Siciliana. È chiaro ormai che per rendere credibile l'intervento finanziario della Regione Siciliana ma anche di tutte le Pubbliche amministrazioni siciliane è urgentissimo legiferare sul superamento dell'art 30 della Legge Regionale 28 gennaio 2014 n 5 che ha introdotto nell'ordinamento il Fondo straordinario per compensare gli squilibri di bilancio e oggi gli effetti sulla spesa del personale e comunque derivanti dal l'abrogazione della legislazione regionale previgente di finanziamento. Bisogna quindi intervenire sui commi 1,  6, 7, 8, 9,  10 e 11 dello stesso articolo 30, oltre che su una norma legislativa regionale organica che affronti per la prima volta in 26 anni il fenomeno del precariato pubblico siciliano. È chiaro che un intervento veramente risolutivo in tal senso ha bisogno di un sostegno di tutta la platea e/o comunque di tutti i precari che ci credono per uscire finalmente dell'ipocrisia dell'abuso di Stato garantito in Sicilia da tantissimi anni da una legislazione regionale in contrasto con la normativa statale comunitaria vigente in materia e con la stessa Costituzione.

Al punto di stasi in cui siamo con la Regione Siciliana che per quanto riguarda il finanziamento agli Enti Locali ed Istituzionali fino al 2016 ha previsto un ulteriore taglio del 30  per cento occorre scendere in campo con tutte le azioni che abbiamo a disposizione per cambiare corso a un sicuro licenziamento a strati.  E allora tutti i dipendenti precari siciliani coinvolti nei tagli devono avere solo il coraggio delle proprie azioni che siano di sciopero serio e ad oltranza di sostegno alle iniziative legislative ma anche giudiziarie contro gli abusi commessi dal datore di lavoro pubblico in 26 anni di precariato. Tutte le iniziative lecite di informazioni sono benvenute. Non si può più sopportare una vergogna nascosta sotto il tappeto di una Regione lontana dai reali bisogni della gente ma anche di Enti Locali ed Istituzionali sordi a scendere veramente in campo ma che rischiano di pagare il danno degli abusi in maniera molto salata.

Gaetano Aiello